Pietre semipreziose

Varietà di gemme e pietre semipreziose
⇓ Salta ai Gioielli

Le pietre preziose sono incredibilmente rare. Vi sono oltre 4000 minerali diversi, ma solo 130 sono considerati pietre preziose e tra queste meno di 50 sono in genere utilizzate come gemme. Le più rare e preziose pietre dure naturali sono il diamante, lo smeraldo (berillo verde), il rubino (corindone rosso) e lo zaffiro (corindone blu). Riguardo le gemme un po’ meno rare, definite pietre semipreziose l’elenco comprende: acquamarina, iolite, pietra di luna, granato, peridoto, opale, turchese, lapislazzuli etc. Parliamo ora della definizione di pietra semipreziosa, per quanto concerne i gioielli in pietre dure naturali appare doveroso affermare che qualsiasi altra gemma che non sia una delle quattro elencate di seguito, cioè diamanti, rubini, smeraldi e zaffiri, è da considerarsi pietra semipreziosa. L’elenco di tali gemme potrebbe essere quasi infinito, ma le più comuni sono: agata, ametista, acquamarina, diaspro, granato, lapis lazuli, pietra di luna, opale, malachite, peridoto, quarzo citrino, spinello, topazio, tormalina, turchese e zircone. Tale classificazione delle pietre dure naturali e divisione tra preziose e semipreziose non ha un reale valore scientifico. Per esempio lo smeraldo è una varietà di berillo, così come lo sono le acquamarine. Lo pietre smeraldo è preziosa mentre l’acquamarina è semi-preziosa. Quando è avvenuta questa categorizzazione si è basata principalmente su criteri di valore e rarità tra le 4 Pietre Preziose e il resto del mondo delle gemme.

Resta il fatto che oggi alcune gemme semipreziose possono valere molto di più di una pietra preziosa. Ad esempio, molte perle naturali hanno prezzi elevatissimi, spesso valgono più di un diamante, rubino, smeraldo o zaffiro di qualità medio-bassa. Anche gli spinelli ne sono un altro esempio.

pietre semipreziose, gioielli pietre preziose

Inoltre, molte pietre semipreziose possono essere più rare di alcune preziose. Alcuni tipi di Granati e molte altre pietre dure naturali sono difficili da reperire in natura, più difficile ne è anche l’estrazione e quindi vengono prodotte in qualità assai inferiori rispetto alle pietre preziose. Quando si acquista una pietra dura però non perdiamo troppo tempo a valutare se rientra nella categoria delle pietre preziose piuttosto che in quella delle semipreziose. Tutte le pietre sono preziose se danno significato e valore in un gioiello, divengono speciali perché l’acquisto un gioiello è un gesto dettato dall’emozione.

Definizione di pietre dure semi-preziose

Definiamo pertanto che le gemme semipreziose sono minerali, rocce o cristalli che sono state tagliati, lucidati e poi incastonati su di un gioiello. Nell’Ottocento queste gemme erano suddivise in due categorie: preziose e pietre dure semipreziose considerando la loro differenza di valore in quel momento. Ai giorni nostri tale suddivisione non è sempre corretta, poiché il parametro “Valore” non è l’unico criterio su cui si basano gli esperti per valutare una pietra. La qualità, la rarità e la provenienza sono altri importanti fattori da tenere in considerazione. Torniamo ora al fulcro dell’articolo, possiamo affermare che per quanto riguarda le cosiddette “pietre preziose”, come visto sopra, nella pratica comune se ne annoverano solo quattro: diamanti, rubini, smeraldi e zaffiri. Talvolta vedrai che una perla, un opale o una giada sono elencate come gemme, ma più comunemente sono considerate semipreziose. Come da tradizione queste quattro gemme sono da sempre le pietre dure naturali più costose e ricercate.
Elenco pietre dure semipreziose e gemme per gioielli
Di seguito un piccolo elenco delle pietre dure naturali. In questa lista abbiamo raggruppato, oltre alle classiche quattro gemme più costose, anche alcune delle pietre dure semipreziose più rappresentative e ricercate nel mondo della gioielleria.

  • Gioielli in pietre preziose di Rubino: In sanscrito, la parola Rubino ​​è Ratnaraj, o re delle gemme preziose. Nell’antico induismo, alcuni credevano che coloro che offrivano ottimi rubini al dio Krishna potessero rinascere come imperatori. I rubini erano divisi in quattro caste. Il Brahmin, ad esempio, ha garantito il vantaggio di una sicurezza perfetta. La pietra dura è anche menzionata almeno quattro volte nella Bibbia, di solito come rappresentante di bellezza e saggezza. Numerose prime culture credevano, a causa della somiglianza della pietra con il colore del sangue, che i rubini detenevano il potere della vita. Tra i reali europei e le classi superiori, si pensava che i gioielli con pietre di rubini garantissero buona salute, ricchezza, saggezza e successo nell’amore.
  • Gioielli in pietre dure semipreziose di Lapislazzuli: Il Lapis è sempre stato associato a regalità e divinità, e potrebbe essere da dove è nata l’idea del blu reale. Gli egiziani credevano che provenisse dal cielo e fornissero protezione nell’aldilà, quindi lo usarono nelle loro statue degli dei, in oggetti totemici, in gioielli con pietre dure e in maschere funerarie. Nel poema epico Gilgamesh , i Sumeri trascorsero anni viaggiando da un capo all’altro dell’Asia per estrarre e ottenere questa preziosa pietra dura per gioielli. Il lapislazzuli è incluso in numerosi altri miti ma ha anche avuto scopi pratici: gli antichi egizi lo usavano per creare cosmetici blu e durante il Rinascimento, i pittori macinavano la pietra per produrre un pigmento ultramarino, spesso usato per cieli e mari.
  • Gioielli con pietre preziose di smeraldo: Secondo la leggenda, uno smeraldo era una delle pietre donate da Dio al re Salomone, un dono che conferiva al re potere su tutta la creazione. Gli Inca li usavano sia nei loro gioielli pietre dure che nelle cerimonie religiose, ma gli spagnoli, che in genere apprezzavano l’oro e l’argento molto più delle gemme, scambiavano la pietra con metalli preziosi. In tal modo, hanno reso i reali europei e asiatici a conoscenza delle maestose qualità della pietra dura. Alcuni addirittura credevano che mettere uno smeraldo sotto la lingua potesse aiutare a vedere il futuro, rivelare verità ed essere protetti da incantesimi malvagi. Si credeva che indossare uno bijoux con pietre dure di smeraldo garantisse a una persona la possibilità di rivelare la verità o la falsità del giuramento di un amante.
  • Gioielli in resina fossile semipreziosa di Ambra: Sebbene la resina dell’albero fossilizzata tecnicamente e non una pietra, l’ambra è ancora considerata una gemma molto utilizzata in gioielli e bigiotteria con Pietre dure. Nella mitologia nordica, Freyja pianse lacrime che si trasformarono in oro e ambra quando suo marito era via. L’ambra è affiliata con l’elettricità e la luce: deriviamo la parola elettricità dal nome greco per ambra, elektron e la pietra, un tempo ritenuta fatta di luce solare congestionata, era sacra per il dio greco Apollo. I cinesi credevano che l’ambra fosse l’anima della tigre trasformata dopo la morte.
  • Gioielli con le pietre di Adularia – Pietra di luna: Nella mitologia indù, si ritiene che le pietre di luna siano costituite da raggi di luna solidificati. Altre culture associavano questa gemma anche al chiaro di luna; la struttura geologica della pietra diffonde la luce, creando un fenomeno chiamato adularescenza, che ricorda visivamente la luce della luna diffusa. Simile alle credenze sugli smeraldi, alcuni antichi pensavano che indossare un Gioiello con Pietre di Luna o addirittura mettere una pietra di luna in bocca durante la luna piena potesse aiutare una persona a intravedere il suo futuro.
  • Gioielli in gemme semipreziose di Tormalina: Le proprietà simboliche della tormalina variano abbastanza per regione. Secondo la leggenda egizia, la pietra ha trovato la sua gamma di colori (la tormalina si presenta comunemente in rosa, blu, giallo, verde e rosso) quando ha lasciato il centro della terra e ha attraversato un arcobaleno. Alcuni sciamani africani e australiani credevano tale pietra dura essere in grado di individuare fonti di problemi, fornire spunti e suggerire la direzione verso il bene. In numerose culture, si riteneva che la tormalina nera indossata con Gioielli di Pietra Dura proteggesse dalla magia.
  • Gioielli in pietra preziosa Diamante: I diamanti sono le uniche gemme preziose costituite da un elemento puro, il carbonio, le cui molecole si legano in perfetta simmetria e rendono la sostanza naturale più dura del pianeta. A causa di queste proprietà fisiche, hanno simbolizzato a lungo il potere, la forza, l’innocenza, l’incorruttibilità, la longevità, la costanza e la fortuna. I Gioielli con questa Pietra Preziosa sono tutt’oggi i più desiderati.
  • Gioielli con pietre dure naturali di Topazio: I primi tagliatori di gemme citavano il topazio come una pietra dura in grado di proteggere dalle malattie e dalla morte prematura, rafforzare l’intelletto, ridurre la rabbia e la tristezza ed eliminare la codardia. Si diceva che il Topazio potesse raffreddare l’acqua bollente, diventare invisibile in presenza di veleno e creare la propria luce. La santa mistica e cattolica romana Ildegarda di Bingen sosteneva di leggere le preghiere in una cappella oscurata dalla luce emanata da un pietra di topazio.
  • Gioielli in pietre semi-preziose di Labradorite: La Labradorite ha la capacità (chiamata labradorescenza) di cambiare colore quando colpita dalla luce. I canadesi nativi credevano che la pietra preziosa potesse aumentare l’energia, ridurre lo stress e l’ansia, proteggere chi indossava bigiotteria in pietre dure di labradorite dal pericolo e aiutare nella comunicazione con forze soprannaturali.
  • Gioielli semipreziosi in Granato: Il granato era un’altra delle pietre che si pensava fossero date da Dio al re Salomone. Ade diede semi di melograno, che sono spesso associati alla pietra, a Persefone prima che lei lo lasciasse come segno di sicurezza, quindi i granati vengono spesso regalati alla partenza per il viaggio. Se somministrati in questo contesto, si ritiene che garantiscano rendimenti rapidi e sicuri e sradichino la distanza emotiva tra gli amanti separati. I granati hanno anche legami per illuminare e lavorare: si dice che Platone avesse inciso il suo ritratto su un granato da un incisore romano, e si dice che Noè usasse un granato finemente tagliato e luminoso per illuminare l’arca. Per il loro colore, i granati possono simboleggiare il sangue di Cristo e, nel Corano, si dice che i granati illuminino il Quarto cielo dei musulmani.
  • Gioielli con gemme semipreziose di Agata: Si ritiene che l’Agata agisca per coloro che la indossano il favore di Dio e un cuore audace. Si dice anche per aumentare la fedeltà nel matrimonio e nell’amore. Gli agricoltori romani una volta portavano agate talismaniche sotto forma di bijoux in pietre dure nella speranza che i cieli avrebbero concesso loro raccolti abbondanti. Gli antichi persiani, in relazione, credevano che l’agata potesse deviare le tempeste.
  • Gioielli in pietra semipreziosa Opale : Gli opali vengono prodotti quando frammenti di gel di silice si depositano nelle fessure delle rocce. Sono stati a lungo considerati come una delle gemme più fortunate e magiche di tutte grazie alla loro capacità di mostrare molti colori. Secondo la leggenda araba, gli opali caddero dal cielo in lampi. Nella mitologia greca, Gyges trovò un anello di opale che lo rese invisibile. Quindi uccise il re di Lidia e sposò la regina. Nonostante le implicazioni di questo mito, gli opali sono associati alla speranza, alla purezza e alla verità e spesso incastonati in anelli o bigiotteria di pietra dura.

Pietra minerale semipreziosa

Significato della pietra semipreziosa nei gioielli

La gioielleria spirituale con i gioielli in Pietra ha svolto un ruolo vitale in questo processo. Imperfetti come possono essere gli umani, i segni tangibili di ciò che è astratto o una forma sensibile di ciò che è difficile da definire è sempre stata una imprescindibile necessità. Pertanto, associare un piccolo oggetto decorativo (vedi i bijoux di pietre semipreziose) a credenze religiose non è affatto una pratica rara in tutto il mondo e nel corso della storia. I simboli e i significati delle pietre nei gioielli spirituali sono sempre abbondanti. L’idea di creare gioielli in pietre dure che non possiedano un significato o una sostanza spirituale è ovviamente un paradosso, eppure la bigiotteria con pietre dure influenza molto le varia credenza religiose.

Minerali semipreziosi nella storia

Nei tempi antichi, i gioielli spirituali avevano anche lo scopo di trasformare l’immagine della persona che lo indossava; si credeva che l’individuo che la indossava potesse raggiungere la perfezione e la bellezza ultima che era specifica solo per la natura. Pertanto, le persone che lo indossavano non solo erano belle in modo terrestre e percepibile, ma erano anche protette da sventure e destinate alla buona fortuna. Era naturale che l’abbondanza di simboli dalla natura, e quindi i principi dell’architettura, alla fine contemplassero il corpo umano come una forma di ricerca eterna della perfezione e dell’unità cosmica. Nell’antichità c’era la Tikka, un complesso gioiello fatto di una catena, un gancio e un ciondolo con pietra dura. Indossato nella separazione dei capelli, rappresentava il ruolo di conservazione della donna nel mondo.

Le pietre nell’attualità

Al giorno d’oggi, le cose possono essere sorprendentemente simili. A un’ulteriore ispezione, probabilmente sarete d’accordo sul fatto che anche nei tempi attuali, i gioielli di Pietre dure spirituali hanno lo scopo di offrire protezione, buona fortuna e guarigione, inoltre attirerà l’attenzione su una certa parte del corpo e gli offrirà un tocco meraviglioso e unico. È anche una questione di posizione: i gioielli spirituali in pietra semipreziosa, se posizionati correttamente, possono fare miracoli. Le collane, ad esempio, sono tra le più popolari, poiché sono posizionate molto vicino al cuore e quindi si ritiene che abbiano un potere maggiore di influenzare il flusso dei sentimenti.

Collezione gioielli con pietra semi preziosa