Gioielli con le Pietre delle Meraviglie Dure e Preziose
Gioielli con Pietra Ametista e Druse Minerali
Pietre Turchesi Gioielli
Pietre Dure Preziose Opale Gioielli
Gioielli pietra preziosa Smeraldo
Pietre di Luna Gioielli

Corallo
⇓ Salta ai Gioielli

Pietra di corallo: L’affascinante mondo del corallo e dei gioielli in pietra corallina

Non c’è da stupirsi che il corallo sia diventato una parte così importante dell’industria della gioielleria di oggi. Dopo tutto, chi può ignorare la bellezza e l’eleganza uniche di questo materiale naturale? Sebbene la maggior parte delle persone abbia familiarità con l’idea del corallo come animale marino, forse non sa che è anche in grado di creare gioielli straordinari. Il corallo è una pietra disponibile in molti colori e varietà diverse, ognuna delle quali possiede proprietà distintive. Il termine “corallo” comprende diversi minerali distinti che hanno un aspetto simile: calcite, aragonite o una combinazione di entrambi. Le pietre di corallo rosso sono formate da piccoli animali corallini, noti come polipi, che costruiscono pareti protettive intorno a sé. Lo fanno per proteggere i loro corpi molli dai predatori e da altre minacce. Nel corso del tempo, queste pareti si ingrandiscono man mano che l’animale aggiunge nuovi strati. Il risultato è una struttura dura fatta di carbonato di calcio (che dà loro il nome) che protegge il corpo molle interno del polipo.

Già il suo nome sprizza colore e bellezza. Infatti il corallo è stato utilizzato in gioielleria da migliaia di anni. Molti vedendolo per la prima volta in qualche vetrina di preziosi pensa sia una comune pietra dura dai toni affascinanti, quindi viene percepita comunemente come un singolo organismo, in realtà è formata da migliaia d’individui identici geneticamente detti polipi, ognuno grande solo pochi millimetri si trova nel mare. Di fatto risulta essere costituito da piccoli e semplici animali invertebrati marini come il polipo corallino, che è correlato agli anemoni di mare. Gli scheletri di questi animali si raggruppano, e si accumulano nel corso dei millenni per diventare colonie di una barriera di sedimenti, infine danno vita a scogliere o vere e proprie isole che affiorano improvvisamente dal mare. Queste colonie crescono in formazioni simili a rami di un albero. La barriera corallina più famosa è la grande barriera al largo dell’Australia nord orientale, che si estende per oltre 2000 chilometri. La maggior parte dell’elemento, proveniente da colonie, fin dall’antichità è stato utilizzato per materiali ornamentali. Il più antico ritrovamento conosciuto di corallo rosso risale alla civiltà mesopotamica, cioè intorno al 3000 a.C. Al tempo di Plinio il Vecchio, il corallo come pietra era apparentemente molto più apprezzato in India che in Europa.

Nel 1900, era di moda sposare “l’umile  pietra corallo” con le gemme più rinomate e preziose del mondo: i diamanti. Grandi pezzi di questi insiemi di polipi sono relativamente rari e vengono conservati per oggetti decorativi o cammei.

Che cos’è la pietra di corallo?

La pietra di corallo si forma quando lo scheletro duro di un animale si trasforma in un minerale chiamato calcite attraverso un processo noto come calcificazione, che può richiedere milioni di anni, a seconda del tipo di pietra corallina. Questo è un componente comune della gioielleria, ma in realtà non è un minerale. È prodotto da minuscoli organismi acquatici chiamati polipi di corallo. Queste creature costruiscono il loro scheletro con carbonato di calcio (CaCO3), lo stesso materiale che si trova nelle conchiglie e nel calcare. Quando il polipo di corallo muore, il CaCO3 si indurisce e si trova sul fondo dell’oceano. Poiché il corallo è composto da minerali, può essere trasformato in pietra attraverso un processo chiamato calcinazione. Questo processo consiste nel riscaldare il corallo in una fornace fino a farlo diventare una roccia. Viene poi frantumato e mescolato con un legante come la resina o il borace per creare una polvere che può essere mescolata con pigmenti colorati per creare la pittura.

I vari tipi di corallo per gioielli

Il corallo viene utilizzato per realizzare un’ampia gamma di gioielli, dagli anelli alle collane e agli orecchini. Si possono trovare  nei gioielli come perline, bracciali, ciondoli, anelli, spille, orecchini di e collane. Il tipo più comunemente utilizzato in gioielleria è il corallo rosso, seguito dal corallo nero e dal corallo bianco. Questa gemma marina viene utilizzata sia in forme intagliate che non intagliate. Il corallo viene modellato in anelli, ciondoli, orecchini e bracciali, oltre che in spille ornamentali, collane e bottoni decorativi. Le perline e i pezzi ornamentali sono solitamente intagliati con disegni intricati. La maggior parte dei gioielli di corallo è realizzata con il corallo rosso, di colore rosso rosato. Questo tipo deriva da una varietà tropicale nota come corallo di fuoco.

 Pietra Corallo rosso significato

Image Source: FreeImages

Significato del corallo

Il corallo è un materiale biogenico, cioè prodotto da organismi viventi. È prodotto da piccoli animali chiamati polipi di corallo che costruiscono il loro scheletro con carbonato di calcio (CaCO3), lo stesso minerale che si trova nelle conchiglie e nel calcare. Con il tempo, i polipi muoiono e i loro scheletri si accumulano e diventano barriere coralline.

Le tante sfumature della pietra corallina: come si produce?

Il corallo è un minerale che si forma dai resti scheletrici compressi di organismi marini. Si forma quando il corpo molle di un organismo si trasforma in un minerale attraverso un processo noto come calcificazione. Questo processo può richiedere milioni di anni, a seconda del tipo di corallo.  È una pietra semipreziosa che si forma dai resti scheletrici compressi di organismi marini. Si forma quando il corpo molle di un organismo viene trasformato in un minerale attraverso un processo noto come calcificazione. Questo processo può durare milioni di anni, a seconda del tipo di corallo. Il corallo è un materiale biogenico, cioè prodotto da organismi viventi. Si crea da piccoli animali chiamati polipi di corallo che costruiscono il loro scheletro con carbonato di calcio (CaCO3), lo stesso minerale presente nelle conchiglie e nel calcare. Con il tempo, i polipi di corallo muoiono e i loro scheletri si accumulano e diventano barriere coralline. Il corallo può essere rosso, rosa o bianco e, una volta estratto dall’oceano, viene spesso tinto per esaltarne il colore. Un colorante comunemente usato per produrre un colore rosso è il carminio, che si ottiene da insetti tritati.

I molti colori della vera pietra di corallo

Le pietre di corallo esistono in diverse tonalità. I colori più comuni sono il rosa, l’arancio, il rosso e il giallo. Le pietre di corallo vero sono spesso tinte per ottenere colori diversi. Tra questi, il corallo arancione, il corallo rosa, il corallo rosso e il corallo giallo. Tutte queste pietre hanno proprietà simili, ad eccezione del corallo rosso, che è più duro delle altre. Inoltre, il corallo bianco è una pietra più morbida che viene solitamente utilizzata per i gioielli.

Corallo pietra preziosa del mare

Corallo rosso pietraQuesto polipo rosso, una volta solidificato, è la forma più preziosa di queste formazioni. Più profondo è il rosso, più questa pietra del mare è apprezzata. Gli scheletri di queste formazioni variano di colore: dal rosso vivo al rosso scuro, al rosso aranciato, al rosa, nero, blu e bianco. Ogni varietà del pietra ha una diversa quantità di traslucenza. Le varietà di corallo di colore rosso, rosa, bianco e blu (noto anche come Akori) sono costituite da una sostanza simile a quella delle perle, chiamata carbonato di calcio. Gli Akòri, o coralli blu, vengono utilizzati principalmente per realizzare perline. La varietà di colore nero (noto anche come Akabar) e quello dorato sono fatti di un minerale chiamato Conchiolina, una sostanza organica simile a un corno. Questa pietra organica è relativamente morbida, classificandosi solo con proprietà di durezza pari a 3 sulla scala Mohs. Questa sua caratteristica fisica la rende estremamente facile come gemma da intagliare. In generale queste gemme del mare all’inizio sono opache, ma una volta lucidate hanno una bella lucentezza vitrea. Tuttavia, questa gemma in varietà rossa, a differenza di molte pietre dure è sensibile agli acidi e al calore, quindi la sua lucentezza potrebbe sbiadire con il tempo.

Habitat e diffusione dei coralli

Il corallo esiste in acque calde e vive da 5 a 300 metri di profondità, la migliore qualità di questi polipi – anemoni solidificati di color rosso si trova da 20 a 30 metri al di sotto della superficie del mare. La tipologia che si trova in Giappone è rossa, rosa o bianca. Le varietà rosso e rosa si possono trovare anche lungo le coste del Mediterraneo e dell’Africa, nel Mar Rosso e nelle acque al largo della Malesia e del Giappone. Quello nero e dorato si trova al largo delle coste Indiane occidentali, dell’Australia e delle isole del Pacifico.

Gioielli con corallo rosso